Referendum Catalogna, Europa e intellettuali zitti di fronte agli abusi di Madrid

di Lello Voce | 30 settembre 2017 Il Fatto QuotidianoNel silenzio inquietante dei media e delle istituzioni europee si avvicina la data del referendum catalano e con esso quello della possibilità dell’esplosione violenta dei contrasti al cuore stesso dell’Europa, in una nazione che di guerra civile ne ha già avuta una (ricordate Guernica?), nella quale di fatto il fascismo franchista non è mai stato sconfitto, ma è morto (letteralmente) di morte naturale, con decenni di scontri violenti e violentissimi nel Nord basco e non solo, con una Costituzione giovanissima (del ’78) nella quale il problema delle autonomie (non solo quella catalana, ma anche quella basca e quella galiziana) non è mai stato risolto del tutto dopo la violenta repressione di tutto ciò che castigliano non era ai tempi del Caudillo.È davvero sorprendente che si parli così poco di una situazione che rischia di essere ben più drammatica del referendum scozzese, e della stessa Brexit, sorprendente che molti, quasi ...

Leggi tutto l'articolo