Reggio Calabria, assalto a furgone blindato Muore vigilante, tre feriti fra i malviventi

CRONACA (1 agosto 2007) Tentativo di rapina davanti a un ufficio postale nelle vicinanze dello stadio Sparatoria tra le guardie giurate e i banditi.
Arrestati i sei rapinatori Reggio Calabria, assalto a furgone blindato Muore vigilante, tre feriti fra i malviventi REGGIO CALABRIA - E' di un vigilante morto e tre banditi feriti il bilancio di un tentativo di rapina avvenuto questa mattina a Reggio Calabria ai danni di un furgone portavalori, davanti all'ufficio postale di via Ecce Homo, nei pressi dello stadio Granillo.
La polizia ha arrestato quasi subito quattro malviventi.
Nel pomeriggio ha fermato altre due persone tra cui il basista della banda.
Gli arrestati sono i fratelli Giovambattista e Santo Familiari, di 32 e 38 anni, di Melito Porto Salvo (la loro famiglia è considerata dagli investigatori una vera e propria cosca); i fratelli Giuseppe e Domenico Antonio Papalia, di 35 e 29 anni, di Sinopoli; Marco Marino (28) e Francesco Gullì (25), anche loro di Melito Porto Salvo.
Marino, ricoverato a Reggio Calabria, è in condizioni molto gravi.
Per tutti l'accusa è omicidio e tentata rapina.
I banditi, chiusi in un piccolo furgone "Fiat Fiorino", parcheggiato davanti all'ufficio postale, hanno atteso il blindato della ditta Sicurtransport, entrando in azione quando il veicolo si è fermato per depositare i soldi all'interno della cassetta di sicurezza.
I malviventi sono usciti con le pistole in pugno e hanno cominciato subito a sparare.
Le due guardie giurate presenti hanno reagito.
Ne è scaturito un conflitto a fuoco, nel corso del quale un vigilante è stato ucciso e tre dei quattro banditi sono rimasti feriti.
L'intera scena è stata ripresa dalla telecamera dell'impianto tv a circuito chiuso dell'ufficio postale: secondo quanto trapela dalla Questura, la sparatoria sarebbe stata breve, ma molto intensa.
// //--> Sul posto è poi intervenuta la Polizia che ha bloccato quattro rapinatori, mentre un quinto, presente sul luogo della rapina, sarebbe riuscito a fuggire.
Il vigilante ucciso si chiamava Luigi Rende, 31 anni: era rientrato dalle ferie proprio oggi.
Illesi l'altro vigilante e l'autista del mezzo blindato.

Leggi tutto l'articolo