Religioni

Religione• Che cos'è una religione?Quando si confrontano diverse tradizioni religiose, bisogna stare attenti a non dare per scontata la propria idea di che cosa sia una religione.
Infatti, con la parola "religione" si possono intendere almeno quattro cose diverse:- Religione come praticaUn insieme di tradizioni, di riti, di racconti, di abitudini e di cerimonie che vengono coltivati da un certo gruppo di persone e che vengono trasmessi di generazione in generazione.- Religione come visione complessiva della vitaUna serie di credenze, un sistema di regole di comportamento, una concezione di ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e, in generale, una certa "visione del mondo".- Religione come teologiaUna dottrina che spiega il rapporto dell'essere umano con tutto ciò che sta al di là della realtà materiale, ovvero con la sfera ultraterrena.- Religione come atteggiamento spirituale intimoUn rapporto individuale che ciascuna persona sviluppa con ciò che è sacro.
A volte le persone si identificano pienamente con una determinata religione, altre volte interpretano la tradizione a cui appartengono in maniera personale.A seconda dell'accezione alla quale ci si riferisce, una certa tradizione spirituale potrà essere considerata come una religione oppure no.
Ad esempio, alcuni studiosi di storia delle religioni si chiedono se il Buddhismo possa essere inteso come una religione nello stesso senso in cui lo sono l'Ebraismo, il Cristianesimo  o l'Islam: se per religione si intende un rapporto tra l'essere umano e un Essere Superiore, allora il Buddhismo (che non parla di Dio) non lo è; ma se si estende il significato del termine per intendere un insieme di insegnamenti spirituali e morali accettati con fede da una comunità e praticati nella vita quotidiana, allora anche il Buddhismo rientra a pieno titolo nella definizione.
RitoNorma o insieme delle norme di culto esterne, oppure azione caratterizzata da sequenze di gesti e dall'uso di forme verbali codificate dalla tradizione e volte a instaurare una forma di comunicazione particolare e privilegiata tra umano e divino.
Affini alle rappresentazioni drammatiche, i riti, dai quali le prime certamente derivano, non hanno una funzione ricreativa: sono manifestazione di un desiderio o di una paura, e l'obiettivo che ci si pone praticandoli si ritiene raggiungibile grazie all'intervento di divinità, spiriti o altre forze invisibili.
L'incoronazione e altri riti di insediamento santificano e legittimano il trasferimento di potere e autorità.
Il matrimonio e altri riti di [...]

Leggi tutto l'articolo