Renzi e le ragioni dell’addio al Pd: «Sarà un bene per tutti»

L'ex segretario spiega a Repubblica i motivi dello strappo: «A questo partito manca una visione sul futuro». E dice: «Anche Conte ne beneficerà».
Vuole passare i prossimi mesi a combattere contro Salvini, pensa che al Partito democratico manchi una visione sul futuro e aggiunge che la scissione sarà un bene per tutti. Queste alcune delle parole con cui l’ex premier ed ex segretario Pd, Matteo Renzi, in un’intervista a Repubblica in apertura di prima pagina, spiega perché lascia il partito.
«I GRUPPI NASCERANNO QUESTA SETTIMANA»
«I gruppi autonomi nasceranno già questa settimana», fa sapere. «Saranno un bene per tutti: Zingaretti non avrà più l’alibi di dire che non controlla i gruppi Pd, perché saranno ‘derenzizzati’». Mentre per il governo, «probabilmente si allargherà la base del consenso parlamentare, l’ho detto anche a Conte». «Se penso a come erano rappresentate le istituzioni un mese fa dico che il Conte bis è un miracolo», riflette Renzi, rivendicando l’aver mandato a casa Sa...

Leggi tutto l'articolo