Resa pt.1

Esattamente tre secondi dopo l'orgasmo vedi quell'essere sudaticcio, sconosciuto, con cui non hai un cazzo da dire, e ti chiedi che senso abbia.
Ti chiedi se per una scopata valga la pena sopportare quelle interminabili mezz'ore in cui fumi, guardi il soffitto, guardi la sconosciuta addormentata con cui non condividi un cazzo, di cui non ti ricordi il nome, anzi il nome manco glielo hai chiesto.
Il silenzio dopo la scopata non lo freghi mai.
ti aspetta implacabile, e punta il dito sulle tue miserie.
Dopo l'orgasmo la donna assume i contorni di un alieno invasore che staziona nel letto di casa tua, ma il fastidio non viene dalle sgomitate durante il sonno, l'angoscia nasce dall'osservarla, e dal riflettersi in lei.
Speculari.
Ugualmente soli.
Ugualmente disperati.
ugualmente poveri di spirito, egoisti, disillusi, apatici, stanchi.
Come animali.
Quando tutto il resto è perso ci si attacca agli istinti primordiali per sentirsi utili, per darsi un senso.
Ed allora anche una scopata con una sconosciuta raccattata in chat potrebbe servire a redimerti dalla diversità.
Ecco vedi? sto scopando, come gli altri.
Il mondo scopa, io scopo.
Io faccio parte del mondo.
Io sono come gli altri.
Questo fino all'orgasmo.
Poi l'inferno prende l'ascensore e viene a soggiornare proprio nella tua parte del letto.
Satana ha deciso di fare la cuccia da te stasera, fortunello..
Mentre lei continua a dormire.

Leggi tutto l'articolo