Rest my chemistry

  ...
Ma tu sei così giovane Così giovane appari ai miei occhi Sei così giovane, così dolce, così stupita Sembri così giovane, come una margherita nei miei occhi pigri Così stasera farò riposare la mia chimica           I riverberi abbaglianti e malinconici delle chitarre di Kessler,la ritmica percussiva travolgente di Fogarino,la voce inquieta e atonale di Banks.Non è un gruppo da happening danzereccio o da serata leggera.
E' un'oscurita' contemporanea che si racconta dentro se'stessa.
Maestosa,nostalgica,disperata.
Interpol-Prato-01/09/15        

Leggi tutto l'articolo