Richard Linklater (Boyhood) avrebbe rinunciato alla regia dell'adattamento cinematografico del libro The Rosie Project

JCR per RED||Carpet Ulteriore problema per l'adattamento cinematografico del libro L'amore è un difetto meraviglioso.
Dopo l'abbandono di Jennifer Lawrence, che avrebbe dovuto interpretarlo, sembra avere lasciato il progetto anche Richard Linklater, il regista designato.
A poche ore di distanza dalla diffusione della notizia inerente la rinuncia di Jennifer Lawrence (che dopo gli impegni assunti in riferimento a X-Men: Apocalypse e Passengers, avrebbe deciso di procurarsi un periodo di riposto), anche Richard Linklater sembra non essere più collegato a The Rosie Project.
Lo riferisce il sito web del magazine The Hollywood Reporter.
Lo scorso luglio il regista di Boyhood era stato chiacchierato per il proprio coinvolgimento, ma tre mesi dopo la produzione di Tri-Star Pictures si troverebbe in difficoltà.
Trattandosi di un progetto prioritario, lo studio cinematografico starebbe già cercando d'individuare un sostituto.
Dopo essersi assicurata i diritti per lo sfruttamento cinematografico nel 2014, Sony Pictures (che dispone di Tri-Star Pictures) ha successivamente messo in cantiere l'adattamento del romanzo d'esordio di Graeme Simsion, che in Italia è noto come L'amore è un difetto meraviglioso.
Sfumato l'interesse di Phil Lord e Christopher Miller, i registi della saga iniziata con The Lego Movie, a lavoro sullo spinoff di Star Wars dedicato a Han Solo, sarebbe ora scemato anche quello di Richard Linklater.
L'adattamento sarà incentrato sulla storia di un professore impegnato nello studio della genetica, che escogita un imbarazzante sondaggio - sviluppato su 16 pagine - per trovare la compagna perfetta.
Ma tutto prende una piega diversa quanto l'uomo si imbatte in Rosie Jarman.
Scott Neustadter e Michael Weber, che hanno collaborato anche nella commedia (500) giorni insieme, sono stati incaricati di scrivere la sceneggiatura.
© RED||Carpet, 2015 | Tutti i diritti sui contenuti sono riservati

Leggi tutto l'articolo