Ricomincia la caccia ai cuccioli di Foca

Semplicemente copio ed incollo dal sito della LAV (Lega Anti Vivisezione) LAV Anche quest?anno si è aperta la nuova stagione di caccia alle foche, il più grande e crudele massacro di mammiferi marini nel mondo, autorizzato dal Department of Fisheries and Ocean Canadese che negli ultimi quattro anni ha comportato l'uccisione di oltre un milione e trecentomila animali.
La "quota" autorizzata per il 2008 è di 275.000 foche, questo nonostante a causa dei cambiamenti climatici il ghiaccio del pack artico sia talmente fragile da non permettere allo foche di sopravvivere.
I cuccioli infatti in seguito alla rottura del ghiaccio cadono in acqua e non sapendo ancora nuotare muoiono affogati.
Le squadre di esperti che stanno osservando la cacccia nel golfo di San Lorenzo ci hanno riferito di una situazione mai successa prima, nelle zone dove abitualmente si potevano osservare folti gruppi di cucccioli quest'anno sono quasi deserte, il ghiaccio frammentato di piccolissimi pezzi non sufficienti per permettere alle piccole foche di sopravvivere.
Gli esperti hanno lanciato l'allarme al Governo canadese, chiedendo la sospensione della caccia, dal momento che stimano che il tasso di mortalità tra caccia e condizioni climatiche per i cuccioli si aggirerà tra l'80 e il 90%.
I cuccioli che riusciranno a sopravvivere allo scioglimento dei ghiacci rischiano così di essere barbaramente uccisi dai cacciatori.
La caccia comporterà la barbara uccisione dei cuccioli che nascono i primi del mese, vittime preferite dai cacciatori sia per la morbidezza del manto sia per la facilità di cattura.
Lo scorso anno, in soli cinque giorni, dal 25 al 30 marzo, i cacciatori del Golfo di San Lorenzo avevano già superato di circa 1000 animali la quota stabilita per le uccisioni dei cuccioli di foca.
Circa 5600 foche al giorno (per un totale di 28000 animali) sono state uccise a colpi di fucile, dal momento che le condizioni del ghiaccio non consentivano ai cacciatori, se non in casi eccezionali, di scendere sul pack per uccidere i piccoli con il tradizionale bastone (hakapik); molti cuccioli, ormai morti, sono stati recuperati in acqua, dove avevano tentato invano di rifugiarsi.
La morte a cui vanno incontro questi animali è la più violenta e crudele immaginabile: un team di veterinari indipendenti ha documentato che il 42% delle foche esaminate erano state scuoiate vive, e il 40% viene colpito ripetutamente prima di morire.
Riportiamo in questa sezione il Video realizzato dall?IFAW che mostra come si svolge la caccia in Canada; si tratta di immagini [...]

Leggi tutto l'articolo