Rifiuti in Campania, Italia condannata «Messi in pericolo l'uomo e l'ambiente»

  L'accusa è di «non aver creato una rete adeguata di recupero e smaltimento».
La Corte di giustizia Ue accoglie il ricorso presentato dalla Commissione nel 2008: congelati 500 milioni   Rifiuti a Napoli (Fotogramma) Italia condannata dall'Unione europea sulla gestione dei rifiuti in Campania.
L'accusa: «Non aver adottato tutte le misure necessarie per evitare di mettere in pericolo la salute umana e di danneggiare l'ambiente».
La Corte di giustizia di Lussemburgo ha accolto il ricorso presentato dalla Commissione europea a luglio 2008.
I giudici condannano l'Italia per «non aver creato una rete adeguata e integrata di impianti di recupero e di smaltimento dei rifiuti nelle vicinanze del luogo di produzione»: in questo modo, spiega la Corte, «l'Italia è venuta meno agli obblighi che le incombono in forza della direttiva rifiuti».
CONGELATI 500 MILIONI - Restano dunque congelati i fondi comunitari destinati alla Campania e bloccati dalla Commissione europea dopo l'avvio della procedura d'infrazione.
In ballo ci sono circa 500 milioni di euro, secondo i dati della Regione, di cui 300 della programmazione 2007-2013 e i restanti dei sette anni precedenti, bloccati da Bruxelles a giugno del 2007.
L'argomento è stato affrontato giorni fa a Bruxelles nella riunione della commissione petizioni del Parlamento europeo, presieduta da Erminia Mazzoni (Pdl), a cui hanno partecipato rappresentanti delle autorità regionali e nazionali e dei cittadini firmatari di sedici petizioni relative ai problemi ambientali e dei rifiuti a Napoli e in Campania.
«Siamo pronti a riconsiderare la decisione quando la situazione sarà cambiata, di fronte a risultati» ha spiegato Pia Bucella, direttrice alla dg Ambiente della Commissione, evidenziando gli elementi essenziali per raggiungere l'erogazione dei fondi comunitari per il settore: la definizione di una «solida programmazione» con un piano di gestione dei rifiuti, un'adeguata rete di infrastrutture per lo smaltimento, affiancato da un rendiconto reale e documentato e il ritorno alla gestione ordinaria.
Aspetti su cui Bruxelles ritiene, in massima parte, di non aver avuto le delucidazioni necessarie.
RITORNO ALLA NORMALITÀ - In commissione è toccato a Raimondo Santacroce per la Campania e ad Ettore Figliolia per il governo illustrare i provvedimenti presi dall'Italia.
La Regione ha assicurato che è in dirittura d'arrivo un piano capace di consentire il ritorno alla normalità e ha citato un aumento significativo della raccolta differenziata che si attesta al 22%.
Di «obiettivi [...]

Leggi tutto l'articolo