Riflessione su San Francesco d'Assisi

Il somigliantissimo, così Francesco poverello è chiamato, caso più unico che raro, dai fratelli cristiani ortodossi, e la sua fama ha travalicato i confini delle nazioni e delle confessioni religiose...
Davvero leggere la sua vita ci riempie il cuore di santa invidia e di stupore: quanto ha saputo accogliere la devastante grazia di Dio questo giovane di Assisi! Quanto ha saputo cogliere, nella cattolicissima e guerresca nazione, l'essenziale del cristianesimo diventando egli stesso modello della radicalità evangelica per cavalieri e papi! Quanto ha saputo amare ed essere amato, straordinariamente esagerato nel suo rapporto con il creato e con i nemici, indicando ai suoi e a noi in cosa consiste veramente la fede cristiana.
In un'Europa all'apparenza feudo cristiano lo Spirito ha suscitato la forza innovativa del frate senza mezzi e strumenti, snobbato dalla gerarchia che sempre lo ha vissuto con insofferenza per suoi eccessi, incompreso addirittura dai suoi frati che reputavano ecce...

Leggi tutto l'articolo