Rio 2016, pugile della Namibia arrestato per molestie sessuali

Il portabandiera alla cerimonia di apertura dei Giochi olimpici per la Namibia, il pugile Jonas Junius, è stato arrestato con l'accusa di molestie sessuali.
A confermare il secondo episodio del genere in pochi giorni, dopo quello di un pugile marocchino Hassan Saada, è il portavoce del Comitato organizzatore Mario Andrada.
Secondo le ricostruzioni l'atleta della Namibia avrebbe aggredito una cameriera all'interno del Villaggio olimpico costringendola alla fuga.

Leggi tutto l'articolo