Riso porta 'Una famiglia' in India

(ANSA) – NEW DELHI, 2 APR – In India per proporre il suo ‘Una famiglia’ nell’ambito dell’Habitat International Film Festival di New Delhi, Sebastiano Riso credeva ad un viaggio di routine, “simile a quelli che ho fatto in passato per presentare in giro per il mondo ‘Più buio di mezzanotte'”.
Ma, ha detto all’ANSA prima di rientrare a Roma, “sono rimasto sbalordito per l’impatto che il film ha avuto, per le tante domande che ha suscitato fra il pubblico ed i critici e per la solidarietà manifestatami da persone che conoscevano l’aggressione che ho subito”.
Il regista catanese non ha nascosto che questa esperienza gli ha offerto un po’ di sollievo non solo rispetto al pestaggio subito in ottobre sotto casa sua a Roma, ma anche a “una certa delusione per il silenzio registrato sulla mia vicenda nell’ultima edizione dei David”.
Prossimo progetto, esplorare negli anni ’90 “le cause profonde della violenza cieca attuale” per capire come “un certo tipo di politica ha contribuito a spazzare via quello che di buono eravamo”.