Ritrovati resti di 730 ebrei uccisi da nazisti a Brest

I resti di 730 ebrei uccisi dai nazisti di Hitler sono stati scoperti nella cittadina di Brest, in Bielorussia, in un cantiere edile.
Dal numero delle spoglie si ritiene che, a finire nella fossa comune, ai margini del ghetto della cittadina bielorussa, furono almeno mille persone, per lo più donne, bambini, anziani.
È la Bild a raccontare dell’agghiacciante ritrovamento, dopo aver visitato il luogo.
I resti sono rimasti lì, a un metro e mezzo di profondità, per 76 anni.
Guarda le fotoBielorussia ricorda sterminio Ghetto di Minsk 65 anni fa