Rivelazioni.

 
Lui si siede, ma nonostante si senta leggermente fuori asse per riuscire a guardare bene in faccia il signor Chelli, ugualmente, come per mostrare l'accettazione completa della realtà che gli viene imposta in qualche modo, non sposta la sua sedia, restando insieme ad essa in una posizione leggermente voltata da una parte, quasi fosse poco interessato all’argomento di cui probabilmente si parlerà tra un attimo. Il geometra al contrario, come spesso in queste occasioni, prosegue a trastullarsi ancora un po’ nell'osservazione di qualche pagina riguardante chissà cosa, tenendo in mano un fascicoletto spillato già prima di sedersi, e poi continuando a sfogliare anche dopo, ma con maggiore sufficienza, quelle carte che adesso tiene sulle gambe.
"Che le cose non vadano benissimo", dice il signor Chelli, "lo sapete anche da voi. In ogni caso questa ditta ha visto momenti anche molto peggiori di questo, e sicuramente ha in sé tutti gli anticorpi giusti per reagire e per trovare la soluzione...

Leggi tutto l'articolo