Rivoluzione Virgin, ferie illimitate ai dipendenti. "Più libertà significa più felicità"

Basta alle ferie con i giorni contati, almeno per i dipendenti dell'impero Virgin.
Il suo eccentrico fondatore, Richard Branson, ha deciso: dopo aver eliminato il classico orario d'ufficio, sdogana le ferie illimitate.
Saranno i singoli lavoratori a decidere quando e per quanto tempo andare in ferie.
Ma se da un lato la scelta di Branson dà maggiore libertà, investe gli impiegati anche di maggiore responsabilità: l'unica condizione, infatti, è che l'assenza dal posto di lavoro non danneggi il business aziendale.
La filosofia dietro la scelta del magnate è semplice.
Con più tempo libero a disposizione, i dipendenti saranno più felici, quindi più ricchi di entusiasmo e di conseguenza più produttivi.
Quella di casa Virgin non è la prima mossa in tale direzione.
Già Netflix aveva svoltato sulle ferie illimitate e sulle spese senza approvazione.
Anche in questo caso, la parola d'ordine è non danneggiare l'azienda.
Un'altra idea originale sul contratto di lavoro viene dal magnate delle telecomunicazioni messicano Carlos Slim, che ha ideato una turnazione originale per i suoi dipendenti: 11 ore di lavoro, ma solo per tre giorni a settimana.

Leggi tutto l'articolo