Roma 2003

Ci trovavamo ogni mattina fuori la stazione Termini, x andare a vendere insieme sulla strada...Assef borse ed occhiali contraffatti, io invece le mie fotografie...Era alto, magro, scuro, denti bianchissimi, da invidia, ma sempre sorridente, nonostante la sua situzione da clandestino...Ci eravamo conosciuti su' di un autobus, ero salito al volo senza biglietto, mentre era in corso un controllo...Mi sento toccare la spalla, mi giro e lui mi dice..."...Mi hanno gia' controllato, prendilo..."...Fra le dita della mano sinistra, teneva il biglietto, timbrato....allungai la mia, lo presi e lo misi nella tasca dei pantaloni...un attimo dopo avevo il controllore di fronte..."...Biglietto x favore...diceva..."...."...Eccolo...dissi..."....Lo invitai x un drink...accetto' e subito dopo iniziammo a camminare, parlare...non chiesi molto di lui, del passato e cosi' fece lui con me..era solo una nuova amicizia, nata in un momento particolare...Gli feci vedere le mie foto, ne rimase entusiasta e mi chiese se volevo andare a vendere con lui..."...Xche' no...in genere non mi affianco a nessuno...pero'...possiamo provare..."...Si prese l'autobus x il Gianicolo, una breve sosta e poi giu', verso San Pietro, il Vaticano, una delle zone di Roma a piu' alta concentrazione di turisti e venditori di strada...Mi impressionava la sua velocita' e la sua precisione, nell'aprire...il negocio...come lui diceva...e nel richiuderlo, appena il tam tam delle voci, avvertiva l'arrivo delle guardie...Era tutto un aprire e chiudere...ma avevamo trovato la formula giusta...riuscivo sempre ad abbinare una foto alla borsa o l'occhiale da lui venduti...Rideva..."...Sei matto...diceva...mi fai divertire...se un giorno posso avere permesso di soggiorno...portare a casa con me, da mia famiglia...Africa...molto bella..."...."...ma vaffanculo vai...rispondevo...anche se lo ottieni, come cazzo fai a tornare a casa...a piedi?...quel poco che guadagni lo mandi subito via..."..."...Le vie del Signore sono infinite..."...Un pomeriggio eravamo sdraiati al sole, tanti turisti, ma poche vendite...Ad un tratto si noto' qualcuno che arrivava urlando..."....Via via...veloci....stanno arrivando...sono in tanti..."...

Leggi tutto l'articolo