Roma, carabiniere ucciso a coltellate. Fermati due cittadini americani di 19 anni: erano in un hotel

Otto coltellate, di cui una al cuore. Non c'è stato nulla da fare per il giovane vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso nella notte nel centro di Roma mentre era in servizio. Trasportato in condizioni disperate in ospedale, il 35enne di Somma Vesuviana, in provincia di Napoli, è morto poco dopo. Nel pomeriggio, dopo una serrata caccia all'uomo, i carabinieri hanno fermato due studenti statunitensi di 19 anni in un hotel nei pressi di via Pietro Cossa, la strada nel quartiere Prati dove è stato ucciso il vice brigadiere.

Ma le indagini vanno avanti e nel mirino degli investigatori ci sarebbero altre persone. E gli accertamenti proseguono per chiarire anche le modalità e le finalità del furto della borsa sottratta a un cittadino a Trastevere, Furto che ha innescato l'operazione in cui è morto il carabiniere. Il militare insieme a un collega stava bloccando infatti due uomini sospettati di essere gli autori di un «cavallo di ritorno», ovvero la richiesta di denaro...

Leggi tutto l'articolo