Roma, sequestrato il mitico Café de Paris

SEQUESTRATO IL CAFFE' DE PARIS - Il Café de Paris, il noto locale di via Veneto, a Roma, è stato sequestrato dai carabinieri del Ros e dalla Guardia di finanza nell'ambito di una operazione nella capitale, perché risultato nella disponibilità della cosca Alvaro della 'ndrangheta.
Il Café de Paris è stato sequestrato, insieme ad altri beni sempre a Roma, società, attività commerciali, abitazioni e automobili di lusso per un valore complessivo di oltre 200 milioni di euro. Lo storico locale della "Dolce Vita", fu svenduto nel 2005 per 250mila euro a un barbiere calabrese che in realtà, secondo gli inquirenti, sarebbe un uomo della cosca Alvaro-Palamara.
Le immagini del Café de Paris ROMA, BENI PER 200 MILIONI - Il locale è stato sequestrato insieme ad altre imprese e attività commerciali."Una vasta operazione contro i patrimoni delle cosche della 'Ndrangheta è in corso nella Capitale da parte del Ros (Reparto operativo speciale) dei Carabinieri e dello Scico (Servizio centrale di investigazione sulla criminalità organizzata) e del Gico (Gruppo d'investigazione sulla criminalità organizzata) della Guardia di Finanza, che stanno procedendo al sequestro di società, attività commerciali, abitazioni ed autovetture di lusso, per un valore complessivo di oltre 200 milioni di euro".
I provvedimenti, disposti dal Tribunale di Reggio Calabria, "riguardano prevalentemente gli investimenti della cosca Alvaro di Cosoleto (Reggio Calabria) nel settore della ristorazione, comprendenti anche esercizi pubblici della Capitale molto noti".
OPERAZIONE TRA CALABRIA E BOLOGNA - Un' altra operazione della polizia di Stato è in corso a Rosarno (Reggio Calabria) e Bologna per l'esecuzione di sei provvedimenti di fermo emessi dalla Dda di Reggio Calabria.
Nell'operazione sono impegnate le Squadre mobili di Reggio Calabria e Bologna, che stanno eseguendo i provvedimenti emessi a carico di presunti affiliati alla cosca Bellocco della 'ndrangheta.
Alle sei persone fermate viene anche contestato il traffico di armi.
affaritaliani        

Leggi tutto l'articolo