Roma. venerdì 13 luglio, presentazione de "Il casalese"

Presentazione del volume "IL CASALESE" Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro Roma (Tor Bella Monaca ) - CE.S.P.P.
- viale Duilio Cambellotti, 155/A Venerdì 13 luglio 2012, ore 19   Venerdì 13 luglio alle ore 19 a Roma, presso il Teatro delle Cornacchie del Cespp (Centro di Supporto Psicologico Popolare "Lino Filipponi"), in viale Duilio Cambellotti 155,  sarà presentato il volume “Il Casalese – Ascesa e tramonto di un leader politico di Terra di Lavoro”, edito dalla casa editrice Cento Autori.
Il dibattito, aperto dall’intervento di Massimo Filipponi dell’associazione Sirio 87 e moderato dalla giornalista Mariella Magazù, prevede i contributi di: Ciro Pellegrino (coautore dell’opera), Nico Pirozzi (editor del volume e direttore della collana “Fatti&Misfatti”), Stefania Catallo (presidente CE.S.P.P.), Fabrizio Federici (giornalista dell’Agenzia Fuoritutto), Stefania Panetta (giornalista della Fiera dell'Est).
Previste alcune letture pubbliche di brani scelti dal testo.
Uno spaccato dell’Italia di Berlusconi; della politica senza passato e dall’incerto futuro.
E da filo conduttore all’ultimo ventennio di storia politica dell’Italia, le tante - forse troppe - coincidenze che hanno scandito un’altra significativa storia: quella di Nicola Cosentino, il potente ex coordinatore del Pdl della Campania, ed ex sottosegretario all’Economia con delega alla Programmazione Economica nel governo Berlusconi, sul cui passato grava la pesante ombra del clan dei Casalesi e sul cui presente pendono due richieste di custodia cautelare in carcere.
A raccontare l’incredibile e “fortunata” storia di un oscuro consigliere comunale di Casal di Principe, che a meno di cinquant’anni si ritrova a ricoprire il duplice incarico di uomo di Governo e di segretario politico del primo e più importante partito della Campania, sono nove autorevoli giornalisti che da anni seguono le vicende politiche e giudiziarie della regione.
Sono loro ad aver dato forma e significato alla storia del Casalese: 256 pagine che disegnano scenari inquietanti, dove le ideologie sfumano nei meno nobili interessi di tanti grandi e piccoli business, molti dei quali contigui a quelli delle mafie.
Interessi che se da un lato hanno trasformato la Campania nella regione dalle mille emergenze, dall’altro hanno creato veri e propri imperi economici, che hanno condizionato (e potrebbero continuarlo a fare) i destini politici locali.
E, probabilmente, quelli della stessa nazione.
  Massimiliano Amato, giornalista [...]

Leggi tutto l'articolo