Rupert Everett ospite a "E poi c'è Cattelan": la pernacchia alla Lega e il racconto del suo ultimo film

Rupert Everett è stato ospite di E poi c’è Cattelan. Nello show in onda su Sky Uno HD il personaggio che ha ispirato le fattezze di Dylan Dog si è raccontato mettendosi a nudo.
Nel suo italiano quasi perfetto ha espresso la sua opinione in merito alla Brexit e sulle elezioni che si sono svolte da pochi giorni sul nostro paese.

I suoi commenti sono stati piuttosto espliciti, come le sue esternazioni e pareri in merito ai partiti italiani, tanto da lasciarsi andare anche a una pernacchia parlando della Lega Nord.
Everett, ormai regista, ha raccontato la sua ultima fatica. Si appresta a debuttare al cinema con un biopic su Oscar Wilde, The happy prince (di cui è anche protagonista assieme a Colin Firth) e ha spiegato a Cattelan le motivazioni dietro all'idea del film. La scelta di Oscar Wilde è dettata da una grande ammirazione e da una forte passione nei confronti della letteratura del poeta inglese.

Leggi tutto l'articolo