SANTANA >> Corazon Espinado > 2000

  SANTANA Carlos Santana nasce il 20 luglio 1947 ad Autlan de Navarro, in Messico.
Da bambino suona il violino come il padre, un mariachi.
Cambiato strumento, entro breve si esibisce alla chitarra nei locali di Tijuana.
Negli anni ’60, la famiglia si trasferisce a San Francisco, dove il giovanissimo musicista viene a contatto con stili diversi che ne influenzano l’attitudine a mescolare i generi.
Nel 1966 la Santana Blues Band comincia a essere popolare in città; l’album di debutto, intitolato SANTANA diventa disco di platino.
Nel 1968, un disco con Al Kooper lo vede tra i protagonisti.
Dopo il debutto della Santana Blues Band, nel 1969 mezzo milione di persone vanno in estasi per il “rock latino” del gruppo a Woodstock.
Da allora, Santana prosegue senza battute d’arresto in un percorso musicale permeato di elementi mistici e ricerca sonora, nel quale viene seguito da milioni di fan, e considerato con rispetto dalla critica.
Nel 1970, ABRAXAS, trainato da brani leggendari come “Black magic woman”, “Oye como va” e “Samba pa ti”, si piazza al numero uno della classifica americana per cinque settimane.
In quel periodo, della band fanno parte Gregg Rolie (voce e tastiere), Dave Brown (basso), Mike Shrieve (batteria), Armando Peraza (percussioni e voce), Mike Carabello e Jose Areas (percussioni).
L’anno dopo SANTANA 3 rimane al n.
1 in Usa per un mese e mezzo.
Carlos si prende una delle numerose “vacanze” dal gruppo per un disco dal vivo col batterista Buddy Miles; da questo momento, succederà molto spesso, ma la sovrapposizione tra vicende del gruppo e carriera solista diverrà inevitabile.
CARAVANSERAI segna un cambiamento di stile, e la lunga suite vagamente jazzistica induce i più rockeggianti Rolie e Neal Schon a lasciare il gruppo per fondare i Journey.
Carlos nel frattempo si interessa sempre più di spiritualità.
Prende il nome di Devadip e, insieme al compagno di fede (i due condividono lo stesso guru) John McLaughlin, realizza un album ispirato a tali tematiche, LOVE DEVOTION AND SURRENDER.
Le sperimentazioni e collaborazioni continuano con Stanley Clarke per “Borboletta”.
Il ritorno al rock latino avviene invece con AMIGOS del 1977, ma la carriera di Santana è un continuo oscillare tra progetti di fusion con amici come Herbie Hancock e Wayne Shorter e rock più ortodosso, quello preferito dal pubblico.
Nel 1978 un brutto episodio a Milano: viene colpito da pietre e contestato come “servo della CIA” da parte di alcuni “autoriduttori”.
Negli anni ’80 vengono altri dischi [...]

Leggi tutto l'articolo