SENZA CONOSCERE SENZA SAPERE

senza Conoscere senza sapere pubblicata da Salvatore Michele Anastasi il giorno lunedì 4 ottobre 2010 alle ore 22.57 L'Uomo giudica il proprio prossimo senza rendersi conto che tale atteggiamento non porta nessun frutto.
Sarebbe utile giudicare solo se stessi, operando così fruttuosamente sulla propria vita.  L'abitudine di giudicare per dei pregiudizi personali, oscura la visione nitida della realtà che ci circonda.
Con il passare del tempo ci si può convincere che quel modo errato di vedere le cose sia  quello vero.
Questa abitudine quindi può farci addentrare in un oscura trappola, da noi stessi creata, che ci fa soffrire, ci fa perdere fiducia, ci isola, ci rende antipatici e superbi, vanitosi ed ipocriti.  Per evitare questa fine triste possiamo avvicinarci ad un'altra abitudine, più sana per il corpo e la mente.
In noi vi è una scintilla divina, ed è quella che noi spesso trascuriamo, che mettiamo a tacere perché diamo maggior voce alla parte più materiale di noi.
Imparare ad ascoltare questa scintilla divina, equivale a vivere la nostra spiritualità.  Quando fallisce l'atteggiamento materialista, creando turbazioni e tristezze, vince risorgendo la forza spirituale.
Nulla deve però essere lasciato al caso, quindi ci vuole un impegno concreto affinché questa spiritualità, questa grande forza interiore, esca e si rafforzi per non cedere mai.  Giudicare il prossimo è spesso un modo di cercare negli altri quello che non riusciamo ad ammettere di noi.
Oppure cerchiamo gli errori degli altri per sentirci migliori.
Qualsiasi sia la causa che scatena questo senso di giudizio senza valore, è da ritenersi ingiustificato e inutile.  Un altro effetto dannoso del giudicare avviene quando si giudica un' ideologia differente dalla nostra come negativa o errata, in quanto diversa dalla propria.
Questo problema viene debellato sempre con lo sviluppo della spiritualità che fa allargare gli orizzonti, facendoci ascoltare pareri opposti al nostro.
Mettersi sempre in discussione è un modo per rafforzare le nostre idee, la nostra fede e per accrescere la cultura.  Ascoltare concetti e idee differenti dalla propria non significa credere in tutto, ma rispettare la libertà di pensiero, consapevoli che ogni essere umano ha un proprio cammino, un proprio percorso evolutivo che inevitabilmente si differenzierà dal nostro.
Infine quando sentiamo l'irrefrenabile voglia o bisogno di giudicare qualcuno, giudichiamo invece noi stessi poiché è un atto di evoluzione interiore diretto al nostro miglioramento.
   

Leggi tutto l'articolo