SIREMAR, DOMANI SCIOPERO ALISCAFI

di Gesualdo Accardi*  La Federmar – Cisal si vede costretta a dichiarare un ulteriore sciopero del personale degli aliscafi, in  aggiunta a quelli effettuati in  precedenza, per domani venerdì  7 novembre 2008, constatando che non è possibile raggiungere un accordo con la Siremar S.p.A.
in merito alla vertenza sull’idoneità degli alloggi messi a disposizione dello stesso personale che per motivi di servizio pernotta  fuori dalla propria residenza.
La vertenza verte sul fatto di reperire una soluzione migliore rispetto allo stato di vera e propria promiscuità in cui si trovano gli ambienti in questione; non si tratta di una velleità collettiva  ma di puro e semplice rispetto di se stessi.
Non vogliamo soluzioni che incidano sui costi, ma soltanto che vengano reperiti alloggi rispondenti  ai normali bisogni di igiene individuale e riservatezza personale.
Il rifiuto della Siremar non ha un senso se non visto quale atto dimostrativo di un potere  riconosciuto in quanto discriminatorio, e la sua potenza si esprime con maggiore vigore con atti e atteggiamenti finalizzati ad annullare richieste antagoniste che per essere tali si permettono di mettere in discussione l’apparato che sorregge lo stesso potere.
Forse è la paura della consequenzialità che potrebbe scaturire nell’aprire una trattativa con la Federmar – Cisal; l’intera categoria potrebbe prendere esempio e iniziare un nuovo percorso, verificato che da molto tempo non vengono poste su un tavolo aperto trattative inerenti a problematiche di comune interesse.  Se non fosse così, non ha senso la posizione assunta dalla Direzione Aziendale che  con il suo operato palesa una dimensione non rispondente ad un argomento che avrebbe potuto trovare equa soluzione prima ancora di nascere.
Una Società, una Azienda, che non contratta si snatura e diviene un’altra cosa (tante cose), mentre il Sindacato che non contratta assume la funzione di agenzia.
Contrattare per noi significa assumere posizioni e responsabilità sia verso i lavoratori e le loro famiglie, sia verso la Società e che tutto avvenga nella più vasta trasparenza.
E’ tempo di cambiamenti e le modifiche saranno inevitabili.  Le modalità dello sciopero saranno le seguenti: astensione dal lavoro per l’intera giornata aziendale, dalle ore 05.00 alle ore 22.30.
Saranno interessati i collegamenti con le Isole Eolie, le Isole Egadi e la linea Palermo-Ustica.
Saranno, in ogni caso, assicurati i servizi  essenziali contemplati dalla legge 146/90, nonché dagli accordi in essere [...]

Leggi tutto l'articolo