SIREMAR, E A FINE ANNO? MATTEOLI NON RINNOVERA' LA CONVENZIONE ALLA TIRRENIA

Il ministro Matteoli mi ha confermato che non e' stata rinnovata la concessione alla Tirrenia e che non verra' rinnovata, per cui il 31 dicembre 2008 cade la convenzione in essere".
Lo ha detto il presidente della Regione Sardegna, Renato Soru, all'uscita dall'incontro con il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli.
Il presidente della Regione aveva ribadito al ministro la sua ferma opposizione a qualsiasi proroga della scadenza della convenzione, allo stesso tempo confermando l'interesse della Regione per acquisire dalla Tirrenia la Saremar per il collegamento con le isole minori, secondo quanto stabilito dal decreto collegato alla Finanziaria.
"Era una proposta gia' fatta al precedente governo - ha spiegato il presidente della Regione - e serve per dare un servizio migliore e piu' efficiente ai cittadini''.
''La Regione continua nella politica di acquisizione di maggiori spazi di autonomia e di indipendenza per la soluzione di problemi che si sono dimostrati per decenni irrisolvibili", ha detto il Presidente Soru in relazione all'acquisizione della Saremar.
Nel definire l'incontro con il Ministro Matteoli "cordiale e fattivo", tornando al tema della fine della convenzione, il presidente della Regione ha detto che sara' approfondito ora il lavoro gia' iniziato perche' venga attuato lo stesso sistema di continuita' posto in essere per il trasporto aereo: in assenza della convenzione con la Tirrenia la Regione potra' fare la gara internazionale per l'affidamento del servizio in modo da migliorare di molto la qualita' del trasporto, soprattutto per il traffico che ha origine dall'area di Cagliari.
Il bando regolera' le frequenze, i costi, la velocita' delle navi, la loro qualita' complessiva in modo da garantire la tanto attesa continuita' marittima per i passeggeri e le merci.
"Finalmente - ha detto il Presidente Soru - vedremo l'avvio anche dalla Sardegna delle autostrade del mare che permetteranno di spostare sul mare i 400 Tir che ogni giorno attraversano l'isola da sud fino a Olbia mettendo in pericolo la sicurezza e con maggiori costi ambientali ed energetici".
Se il presidente della Sardegna è favorevole all'acquisizione della società consorella, non è dello stesso avviso il presidente della Regione Sicilia Raffaele Lombardo.
E - quindi - la Siremar che fine farà? Ci sarà forse qualche aiuto dello Stato per far rilevare la società alla Regione?

Leggi tutto l'articolo