SOGNANDO BARCELLONA racconto (2009) di Dino Secondo Barili

Intrigo … … a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono  frutto di fantasia.
Pertanto non hanno nulla a che vedere con persone o fatti realmente avvenuti) 2009  (Amore Duemila)     Sognando Barcellona Chi è quella persona (uomo o donna) che al compimento del trentesimo anno non esprima un desiderio? Parecchi, molti … tutti.
(anche quelli che i trent’anni li hanno superati da un pezzo).
Un anno fa, è stato così anche per Chiara, bellissima ragazza pavese … alta, bionda occhi azzurri e gambe da fine del mondo.
A trent’anni si hanno tanti desideri, ma Chiara ne aveva uno in particolare: visitare Barcellona.
Un anno fa, le scuole erano appena terminate.
L’estate era appena iniziata e Chiara doveva aspettare ancora parecchio prima di avere il periodo di ferie per realizzare il suo desiderio.
Intanto cominciava a pensarci e per la prima volta ne parlò con la sua coetanea, amica e collega Desy.
“Desy, quest’anno compio trent’anni e mi voglio togliere uno sfizio … visitare a modo mio Barcellona” Desy era una patita di Barcellona.
Ci era già stata e non perdeva occasione per seguire tutte le iniziative pavesi dedicate a una delle città più effervescenti della Spagna.
Per un secondo non disse nulla poi … “Chiara, questa sera c’è un incontro all’Università dedicato a Barcellona.
Se vuoi possiamo andarci.
Un Professore della città catalana presenta la sua città” Chiara si dimostrò subito entusiasta.
“Certo che ci vengo.
Oggi, però, è sabato … un sabato di giugno … un giugno incandescente come non si vedeva da parecchi anni.
Oggi, pomeriggio voglio godermi la sabbia del fiume Ticino.
Voglio rosolare al sole come desidero da parecchio tempo” Desy raccolse la proposta.
“Ci vengo anch’io” Quando due amiche si mettono insieme è come dare fuoco … alle fantasie.
Chiara e Desy, oltre ad essere due bellissime trentenni pavesi … erano patite del Ticino e della barca.
Molti momenti liberi erano dedicati al “barcé” l’antica barca dei pavesi.
Un’imbarcazione fatta apposta per scatenare le fantasie, raggiungere le isole del fiume, scoprire angoli nascosti ed affascinanti.
Chiara e Desy si incontrarono nel primo pomeriggio di un anno fa all’Imbarcadero dove tenevano in custodia il loro barcé.
Immediata è stata la gara.
Proprio all’Imbarcadero c’erano due giovanotti da fine del mondo.
Erano lì.
Guardavano e non dicevano nulla.
Forse erano turisti.
A trent’anni non si hanno tanti scrupoli.
E’ stata Chiara la più spigliata.
“Ei vuoi due … [...]

Leggi tutto l'articolo