SONDAGGIO

SONDAGGIO: MAGGIORANZA ITALIANI CONTRO GELMINI E USO POLIZIA Intanto, mentre sul sito di social networking Facebook ha superato i 117mila il numero delle adesioni alla causa "A favore dell'istruzione e della ricerca", che contesta la legge 133 di riforma dell'Università, un sondaggio realizzato da Demos per conto del quotidiano "Repubblica" e reso noto oggi dice che il 47% degli italiani sono contrari al decreto Gelmini, contro il 38,5% di favorevoli e il 14,3% che non sa o non risponde.
Il sondaggio dice anche che il 49,4% appoggia la protesta degli studenti, mentre il 38,4% non è d'accordo con le manifestazioni.
Sull'uso delle forze delle ordine per prevenire occupazioni di scuole e università, evocato dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il 48,1% degli intervistati risponde che "è sbagliato occupare, ma va tollerato", mentre per il 26,7% "è giusto occupare le Università", dice Demos.
Un quarto degli italiani (il 25,3%) dice invece che occupare è inaccettabile e va impedito "anche con la polizia".
In generale, comunque, la scuola pubblica è difesa e apprezzata dalla grande maggioranza degli intervistati: il 69,3% del campione è soddisfatto delle Elementari pubbliche (contro il 47% delle elementari private), il 62,4% dalle superiori pubbliche e il 59,4% dalle Università.
I problemi principali della scuola, dice ancora il sondaggio, sono "la mancanza di fondi" (18,8%), "lo scarso collegamento col mondo del lavoro" (17,8%) e anche "la violenza negli istituti" (14%: ma rispetto a quattro anni fa, dice Demos, questa voce è cresciuta del 6,4%), la mancanza di sostegni per le famiglie e gli studenti più poveri (13%).
Il 12,6% attribuisce invece la responsabilità principale alla "scarsa qualità degli insegnanti", anche se poi la fiducia negli insegnanti delle scuole pubbliche registra complessivamente il 64,4%.
Il sondaggio è stato realizzato tra il 21 e il 23 ottobre tra 1024 persone di età superiore ai 15 anni.
  Realizzato da Demos per conto del quotidiano "Repubblica"

Leggi tutto l'articolo