STEFANIA racconto (990) di Dino Secondo Barili

Intrigo … … a Pavia (Queste storie, anche se raccontate come vere, sono  frutto di fantasia.
Pertanto non hanno nulla a che vedere con persone o fatti realmente avvenuti) 990 Stefania e Castello delle Sette Torri Se a quarant’anni una donna non ha ancora realizzato i suoi sogni d’amore … deve darsi da fare perché il tempo non perdona.
A differenza dell’uomo, la donna ha dentro di sé un orologio biologico che non lascia scampo.
Un anno fa, ne ha saputo qualcosa la Prof Stefania … single bellissima … alta, bionda, occhi azzurri e gambe da fine del mondo … Docente di Lettere in un Liceo del milanese, abitante a Pavia.
Un anno fa, al compimento del quarantesimo anno … è andata in crisi.
Si è guardata allo specchio e si è vista diversa.
Sola … senza un compagno al suo fianco.
In realtà il compagno l’aveva avuto fino a un anno prima … ma tutti i progetti erano andati in fumo.
Veramente i progetti li aveva fatti lei, Stefania.
Lui, il Prof Angelo, non si diceva tagliato per matrimonio e neppure per la convivenza.
Insomma il quarantacinquenne, il Prof.
Angelo, non sapeva ancora cosa avrebbe fatto da grande.
A saperlo, invece, era Stefania la quale aveva deciso di puntare in alto … senza attendere oltre.
Quello stesso giorno del quarantesimo compleanno si incontrò con la sua coetanea, amica e Collega Gisella … per il solito caffè in Piazza della Vittoria a Pavia.
Piazza della Vittoria è una piazza magica.
Stefania non era in piena forma.
Inoltre era un giorno piovoso … e alla quarantenne la pioggia creava disagio.
Quando Stefania incontrò Gisella non nascose nulla.
Parlò della pioggia … ma soprattutto del tempo … del tempo che passa.
Ad un tratto uscì con una frase.
“Gisella, oggi compio quarant’anni … come si può fermare il tempo?” Gisella era una donna dalle idee chiare.
Non aveva peli sulla lingua.
“Stefania … il tempo non si può fermare, ma bisogna dare ad esso un senso” – “E, cioè? Cosa vorresti dire?” chiese Stefania … ed era come se avesse bisogno di quella risposta.
“Stefania … il tempo bisogna viverlo … amare ed essere amata” Non bisogna guardare al tempo che si ha … ma a come si usa.
I giorni sono come le pagine di un diario … mai lasciarle in bianco! Meglio un tentativo andato buco … che non aver tentato affatto” Stefania capì l’antifona, ma aveva le idee confuse.
A tornare alla carica è stata ancora Gisella.
“Stefania … se non hai niente da fare … questa sera ci sarà il Ballo dei Cinquantenni a Milano.
Nulla di [...]

Leggi tutto l'articolo