SUOR CRISTINA NEI GUAI: IN FRANCIA ACCUSATA DI ESSERE BLAFEMA, A SANREMO FORSE NON LA VOGLIONO PERCHE'...

Povera Suor Cristina, ribattezzata frettolosamente Sister Cristina  in previsione del grande successo internazionale: non gliene va bene una.
Il suo album di debutto è diciassettesimo in Italia: non male.
Ma quello di Deborah Iurato, vincitrice di "Amici," è dodicesimo.
Qualcosa quindi non va: la Iurato non è ancora famosa come la rivale con la tonaca, eppure risulta più credibile, soprattutto tra i giovani.
In Francia la promozione di " Sister Cristina" è stata un flop: i cugini d'Oltralpe, notoriamente con la puzza al naso, con hanno gradito l'esibizione della Scuccia in una specie di Ballando con le Stelle mentre  intonava Like a Virgin di Madonna.
Quasi un'accusa di blasfemia: e scusate se è poco.
Per i critici made in France, la suora cantante "ci fa", nel senso che marcia per farsi della pubblicità, sfruttando equivoci e abbinamenti poco ortodossi.
Ma non basta: Carlo Conti, patron di Sanremo, ha detto che Suor Cristina non ha presentato nessuna canzone per la gara prossima ventura .
Questo a fronte di un coming out da Fabio Fazio, con "l'intonacata" che alludeva a una sua partecipazione tra i big della Riviera Ligure, alla prossima kermesse.
Insomma, a Suor Cristina non ne va bene una, speriamo allora che non faccia la stessa fine di Suor Sorriso, finita nel dimenticatoio...
ROMOLO RICAPITO

Leggi tutto l'articolo