Sace: la Malesia verrà trasformata in un Paese ad alto reddito entro il 2020

La coalizione Barisan Nasional ha vinto le elezioni tenutesi a maggio 2013, riconfermando Najib Razak come premier.
I mercati e gli investitori internazionali hanno accolto positivamente la notizia, nonostante il governo non sia riuscito a riconquistare la maggioranza dei due terzi.  Le principali criticità sono relative alle discriminazioni delle minoranze etniche e al malcontento popolare nei confronti della classe politica corrotta.
I positivi risultati dell’economia sono alla base della legittimazione del governo che, attraverso il programma New Economic Model si propone di trasformare la Malesia in un Paese ad alto reddito entro il 2020.
Il PIL malese è composto principalmente dai consumi privati (48% del PIL), ma le esportazioni rappresentano un elemento di fondamentale importanza per il paese, soprattutto quelle relative alla componentistica elettronica.
L’aumento del debito pubblico negli ultimi anni, dovuto ai programmi di investimento in infrastrutture, hanno causato qualche preoccupazione .
La legge finanzia- ria 2012 ha, però, previsto interventi mirati alla riduzione del deficit (previsto al 4,2% del PIL per il 2013).
Il sistema finanziario malese è dominato dal settore bancario nel quale sono concentrate il 70% del totale degli asset.
Le banche godono di una buona capitalizzazione e redditività e la Malesia si è affermata come una sorta di hub per la finanza islamica.
Il mercato finanziario e borsistico è abbastanza sviluppato grazie all’innovativo processo di informatizzazione.
Il sistema legale è ben sviluppato, basato sul sistema anglosassone e generalmente efficiente, trasparente e non discriminatorio.
Sono particolarmente favoriti investimenti esteri nel settore manifatturiero, in particolare nell’high tech e nell’elettroni- ca.
Il sistema delle infrastrutture è molto ben sviluppato ed efficiente.
Il livello della sicurezza è elevato, sebbene permangono rischi legati a istanze di gruppi di militanti locali di matrice islamica.
Nel 2012 le esportazioni italiane in Malesia hanno superato, per la prima volta, il miliardo di euro, registrando una crescita del 22% rispetto al 2011.
Di contro le importazioni dalla Malesia mostrano una contrazione (-13%) contribuendo così ad un avanzo commerciale per l’Italia pari a circa 252 €/mln.
I prodotti esportati sono principalmente beni della meccanica strumentale (39,4% del totale), mezzi di trasporto (10%) e prodotti chimici (10,6%).
L’Italia importa dalla Malesia principalmente computer e prodotti dell’elettronica, prodotti alimentari e [...]

Leggi tutto l'articolo