Saiano: l'eremo sulla roccia

Siamo in Romagna nella valle del Marecchia che confina con il  Montefeltro: un paesaggio che si distingue da quello delle dolci colline marchigiane. Qui i profili dei rilievi  non assomigliano più alle morbide ondulazioni che conosciamo, ma piuttosto a una sequenza di denti di sega...
Un aspetto un po’ selvaggio, rude per spiegare il quale c’è un buon motivo e per conoscerlo si può andare qui dove si racconta l’origine milioni di anni fa

 
In questo paesaggio fra le punte del Monte Titano (S. Marino), quelle di Torriana, di S.Leo, di Maiolo, di Verucchio, del Monte di Perticara… una piccola roccia aguzza, isolata quasi sul greto del Marecchia, alta un paio di centinaia di metri, attira l’attenzione di chi viaggia sulla statale che unisce la montagna tosco-romagnola alle spiagge riminesi.
Attira l’attenzione perché in cima emerge prima una torre cilindrica e poi un paio di costruzioni… lassù in cima, un eremo, un santuario, una chiesa.

È l’eremo santuario della Madonna di Sai...

Leggi tutto l'articolo