Salario minimo e campagna elettorale in USA

Nell’Interesse pubblico Quello che il partito democratico fa bene: Auto distruggersi! 8 Agosto 2014 Ralph Nader La Rep.
Nancy Pelosi (D-CA), il leader della minoranza dei Democratici alla House of Representatives, ha fatto inviare dai suoi consulenti politici una mail di massa alle donne chiedendo soldi e risposte ad un sondaggio d’opinione chiuso.
La mail di massa riporta con precisione i voti veramente orribili dei repubblicani alla House contro la salute, la protezione e la sicurezza familiare delle donne e cerca di rilevare le priorità delle donne per fare un’agenda legislativa dei democratici al Congresso.
Sotto la categoria titolata “Occupazione”, non è menzionato il ripristino del salario minimo a 10,10 dollari l’ora, che la Rep.
Pelosi sostiene.
L’opzione più vicina da controllare era “stipendio inadeguato/o nessun aumento”.
La mail della Pelosi (non interessante e difensiva) è un altro prodotto dei consulenti politici del partito che hanno fallito tante volte perdendo le sfide per la Camera e il Senato contro il peggior Partito Repubblicano conosciuto nella storia americana.
Questi consulenti, come nota l’ex assistente speciale di Clinton, Bill Curry, fanno più soldi con i loro clienti corporativi che con i loro servitori politici.
Queste imprese furbe, arroganti e mai rassicuranti sono piene di conflitti di interesse e potrebbero benissimo essere “dei cavalli di Troia”.
La riforma completa del salario minimo federale per compensare i danni dell’inflazione dal 1968 dovrebbe passare dagli attuali 7,25 dollari stagnanti all’ora e andare oltre la proposta di $ 10,10 fino ai 10,90 dollari l’ora.
Oltre trenta milioni di lavoratori americani - due terzi dei quali donne e due terzi di loro dipendenti di grandi società con bassi salari come Wal-Mart e McDonald - potrebbero beneficiare di questa riforma dei salari che, a sua volta, rafforzerebbe pure l’economia, aumentando le spese dei consumatori.
Ci sono un sacco di voti là fuori, se i democratici andranno oltre a parole e spingeranno per una campagna sui grandi mezzi di comunicazione e di base contro i repubblicani del Congresso che bloccano la votazione su questo disegno di legge del salario minimo.
Tre americani su quattro sono a favore di un salario minimo riformato.
Alcune città e alcuni stati hanno già portato il loro stipendio minimo verso i 9,00 dollari l’ora.
Sentono la pressione dei lavoratori in difficoltà, delle manifestazioni di piazza in aumento e le tendenze politiche.
Questo è un problema da risolvere.
Pochi [...]

Leggi tutto l'articolo