Salernitana: il pareggio di Avellino muove la classifica e fa ben sperare per il futuro

// La Salernitana di Mimmo Scafuri SALERNITANA: IL PAREGGIO DI AVELLINO MUOVE LA CLASSIFICA E FA BEN SPERARE PER IL FUTURO Informazione sul video: Avellino−Salernitana 1−1, questo è il video alla risposta dell’autore dell’articolo di mannoro 80, che è stato inserito in fondo all’articolo, l’autore di questo video e di by giodoc dur.
min.3,43 del 14 dicembre 2008.
Non c’è stato al Partenio il "botto" per l’esordio di Mutti sulla panchina granata, cosi come è avvenuto, invece, ad Ascoli, dove l ‘altro debuttante Francesco Colomba si è assicurata l’intera posta in palio contro la blasonata Empoli, un pareggio, comunque, che muove, sebbene di poco, la classifica della Salernitana.
Certamente il trainer granata non poteva fare i miracoli, né tantomeno risolvere i problemi della squadra a suon di bacchetta magica, ha cercato di lavorare molto sotto l’aspetto psicologico, ma soprattutto mettendo gli uomini a sua disposizione nella giusta posizione, alla fine non è riuscito a vincere la partita, ma neanche a perderla.
Un punto che non rappresenta la panacea per le aspettative della società e dei tifosi, ma comunque un risultato positivo che permette a Mutti di poter lavorare con più tranquillità, in vista della difficilissima gara di sabato all’Arechi proprio contro il succitato Ascoli dell’ex Colomba, una squadra che sicuramente non merita la posizione di classifica che occupa.
Il tecnico bergamasco ha fatto capire che in questa intelaiatura, almeno fino agli arrivi di gennaio, esistono dei punti fermi dai quali non si può prescindere, vale a dire Fusco, Soligo, Di Napoli, Pestrin, Kyriazis e Giampà, elementi che in questa categoria fanno la differenza, e che, se supportati da elementi di pari valore, possono consentire alla Salernitana una salvezza tranquilla e magari dare ai propri sostenitori qualche soddisfazione in più.
Il discorso, pertanto, si sposta, inevitabilmente, sull’acquisto di almeno tre o quattro elementi che possano dare spessore tecnico e tattico a questa rosa, che, come ha evidenziato lo stesso trainer granata nel corso della conferenza stampa di presentazione, non è per niente inferiore a molte altre squadre della cadetteria, ma che va assolutamente ampliata e rafforzata con innesti mirati.
Ovviamente la presenza della dirigenza granata sul mercato di gennaio appare un fatto scontato, ma certamente non sarà facile per il dg Fabiani operare con estrema tranquillità, la situazione economica non è quella degli anni scorsi, la Salernitana, per fortuna, ha ancora un [...]

Leggi tutto l'articolo