Salute: boom di 'ecomamme' in Italia, Barbara Berlusconi in prima linea

Milano, 6 giu.
(Adnkronos Salute) - Sono giovani e informate.
Navigano in Internet con maestria, e davanti agli scaffali del supermarket riempiono il carrello solo dopo una lettura attenta delle etichette.
Alla ricerca di prodotti amici del loro bimbo, ma anche rispettosi dell'ambiente.
"In Italia le 'ecomamme' sono sempre più numerose: in crescita esponenziale", sulla scorta di esempi patinati come la star di Hollywood Julia Roberts, che per i suoi 'ecobebè' usa soltanto pannolini lavabili.
A raccontare il fenomeno in versione tricolore è la dermatologa dell'università degli Studi di Milano, Riccarda Serri.
Organizzatrice di una serie di incontri dedicati ad ambiente e salute, in programma dall'8 al 15 giugno in Galleria Vittorio Emanuele nell'ambito dell'iniziativa 'I Giorni della salute' promossa da Giampaolo Landi di Chiavenna, assessore alla Salute del Comune di Milano.
Otto appuntamenti aperti al pubblico e fissati "in orario aperitivo.
Invito dunque tutti a questi 'happy hour ecologici'", sorride Serri.
Per parlare ai cittadini l'esperta ha riunito anche molti volti noti.
"Scelti di persona non come specchietto per le allodole - precisa la dermatologa all'ADNKRONOS SALUTE - bensì per la coerenza con cui vivono la quotidianità nel totale rispetto delle proprie convinzioni".
Scorrendo il calendario degli 'ecoaperitivi', si incontrano quindi nomi come Annamaria Bernardini de Pace, noto avvocato matrimonialista, ma anche "splendida cuoca" e chiamata perciò a parlare di alimentazione sana.
O come Barbara Berlusconi, terza figlia del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, e "da 7 mesi giovane mamma del piccolo Alessandro.
Per assicurargli i prodotti più sicuri e alleati dell'ambiente", dal biberon al giocattolo, dalla pappa al sapone e ai vestiti, "Barbara si impegna moltissimo - testimonia la specialista - Viaggia nel web, legge tutte le etichette.
Ed è stata lei a segnalarmi indignata la presenza in commercio di tettarelle che in Canada erano state bandite perché, messe nello sterilizzatore, rilasciavano ftalati", racconta.
L''ecomamma' tipo, spiega Serri, "è semplicemente una persona che usa bene il cervello.
E si rende conto che l'ecologia non affatto è un'ideologia", puntualizza l'esperta.
Serri, infatti, vuole "con forza" sgombrare il campo dai falsi messaggi degli "ecofurbi" che fanno "ecoterrorismo".
In altre parole, non si tratta di lanciare anatemi dicendo che "quello shampoo provoca il cancro" o che "quel deodorante fa male" all'uomo e alla Terra.
L'ecologia, insomma, "non è una moda o un [...]

Leggi tutto l'articolo