Salvatore Esposito: aspettando Gomorra sono L'eroe e sogno Batman

Roma (askanews) - Salvatore Esposito è stato appena premiato con il Monte-Carlo Film Festival Award, dal 21 marzo sarà al cinema con il nuovo film, "L'eroe", in cui interpreta un giornalista, mentre il 29 marzo tornerà nel ruolo di Genny Savastano nella quarta serie di Gomorra.
A proposito del film dice: "Ha una cosa secondo me fondamentale, che sembra tutta una grande metafora, sia sull'importanza della verità, sul peso della verità, sia sulla parola eroe.
Oggi se io dovessi chiedermi chi è un eore, faccio fatica a dirti che quelli che vogliono far passare per eroi oggi sono degli eroi.
Per me può essere considerato un eroe un ragazzo di una qualsiasi provincia italiana che si sveglia alle 5 di mattina, alle 4 di mattina e va a fare il panettiere, va a fare il muratore.
Torna a casa con gli amici, benestanti con le scarpe nuove, perché magari delinquono, fanno rapine, uno spaccio".
Azioni che Esposito conosce bene, visto che in Gomorra interpreta il boss di camorra Savastano.
Di questa nuova stagione non può rivelare molto, ma del suo personaggio dice.
"Il trailer della prima stagione si apre con una frase, "Niente è come sembra", secondo me mai frase è stata più azzeccata per questa stagione.
Sono onorato, grato, a chi mi ha donato un personaggio come Genny, così complesso, fitto di emozioni, di psicologie, neanche tridimensionale, quadrimensionale".
Quel personaggio lo ha reso famoso nel mondo, e ora il suo sogno è l'America, magari per un film di supereroi.
"Mo sono sempre detto di non avere limiti, non mi sono mai posto un obiettivo, e se me lo sono posto era alto.
Io sono uno che segue sia la Marvel che la DC, se proprio ne dovessi dire uno direi Batman: non si batte secondo me".

Leggi tutto l'articolo