Salvini: 'Non farò saltare il governo per un sondaggio'

A piazza del Popolo a Roma la kermesse della Lega ‘L’Italia alza la testa’.
Matteo Salvini sale sul palco accompagnato dalle note dell’aria della Turandot di Puccini ‘Vincerò’, mentre dalla piazza si accendono fumogeni tricolori.
Salvini, ora senza felpa della Polizia ma in maglione, ascolta la musica con la mano sul cuore.
“Questo governo mantiene tutti i suoi impegni e dura 5 anni: sarà giudicato dal numero di culle che tornano a riempirsi in questo Paese, dal numero di bambini che nascono e tornano ad avere non un genitore 1 e 2 ma una mamma e un papà”, ha detto Salvini dal palco, davanti, secondo gli organizzatori ad 80mila persone.
“Adozioni più veloci e meno costose sono un dovere per un governo che vuole rispettare la sua gente”, ha aggiunto.
“Non farò mai saltare un governo che lavora per gli italiani, per un sondaggio“.
ha assicurato.
“Chiedo il mandato di andare a trattare con l’Ue non come ministro ma a nome di 60 milioni di italiani che vogliono lasciare ai loro figli e nipoti un’Italia migliore.
Se c’è il vostro mandato non abbiamo paura di niente e di nessuno”.
“Qualcuno – ha aggiunto – ha tradito il sogno europeo, noi daremo il sangue per una nuova comunità Europea fondata sul rispetto, sul lavoro, sulla crescita, sull’equità”.
“Se l’Europa è quella che si ferma allo spread, alla finanza, agli zerovirgola, è un’Europa destinata a fallire.
Serve un’Europa che ritorni a lavorare, per la dignità dei cittadini”.
In Europa “c’è bisogno di anima e identità che qualcuno ha perso in nome della globalizzazione.
Ogni tanto ci richiamano ad essere rispettosi delle regole e dei trattati internazionali.
Sotto questo sole tanto caldo ma anche tanto freddo per quanto accaduto stanotte nelle Marche, serve una nuova Ue fondata sul rispetto, il lavoro e il progresso.
Come è possibile garantire quello che c’è scritto nei trattati sulla piena occupazione e la crescita sostenibile? Guardate alla crisi economica che anche la potentissima Germania sta cominciando a vivere, pensate ai gilet gialli.
La violenza non è e non sarà mai giustificata ma chi semina povertà e falsa speranza raccoglie protesta”, ha proseguito “Non servono nuove leggi – ha detto il leader del Carroccio – ma bisogna fa rispettare le leggi che ci sono.
In questo Paese chi sbaglia paga.
E chi ha sbagliato paga e paga fino in fondo da nord a sud.
Ovunque, da Genova ad Ancona”.
“Abbiamo cominciato il cammino giusto, – ha detto – se i portavoce di poteri [...]