Salvini choc: "Renzi infame, il pensionato suicida è colpa sua"

«Quell'infame di Renzi parla di sciacalli che si approfittano dei morti, lo vada a dire alla vedova del pensionato che si è suicidato.
La morte del pensionato è colpa sua, sì».
Lo dice Matteo Salvini, segretario della Lega Nord, a 'La Zanzara' su Radio 24, che ne ha diffuso il testo.
Gli intervistatori chiedono a Salvini: secondo lei c'è un legame diretto tra il governo e la morte di Luigino D'Angelo?: «Vedete voi, certo che c'è.
La morte del pensionato è frutto di una scelta del governo».
 Dunque è colpa di Renzi?: «Sicuramente sì.
E poi - dice ancora Salvini - lo ha scritto lui.
Si è suicidato perché ha perso tutto per colpa di un decreto demenziale.
È un suicidio di Stato, ce l'ha sulla coscienza Renzi.
Non c'è dubbio».
Poi Salvini attacca il ministro Boschi: «I beni della famiglia Boschi vanno bloccati e tenuti sotto sequestro, in garanzia della vedova, di quelli truffati.
È squallido fare i fenomeni e dire che le vittime sono degli sciacalli.
Uno sbaglia e chiede scusa, papà Boschi si ritira, lascia la sua casa e la sua macchina in garanzia per i truffati e poi ne parliamo».
 “BOSCHI COMPARSA” «Il mio appello è a tutte le opposizioni in Parlamento a firmare assieme una mozione alla sfiducia, non tanto alla Boschi che è una comparsa, quanto a Renzi, che è il diretto responsabile di questa strage di italiani».
Lo afferma in un'intervista video a ANSA.IT il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, a margine della Plenaria di Strasburgo.
«Ci sono 150mila derubati da risarcire - dice Salvini - c'è un Palazzo, una casta che si chiude in se stessa, difende le banche, difende i ministri, i parenti dei ministri, votando decreti in evidente conflitto d'interessi.
Per quanto riguarda i risparmiatori - conclude Salvini - si facciano vivi loro, perché a gennaio, grazie a Renzi e grazie a questa Europa gli italiani che rischieranno saranno alcuni milioni, non alcune migliaia».
 SUL MILAN «Cacciare Mihajlovic? No, è Galliani che ha fatto il suo tempo.
Ha fatto tanto, ma continua a cambiare giocatori ed allenatori e non ne azzecca una».
Così Matteo Salvini, segretario della Lega Nord e tifoso milanista, a La Zanzara su Radio 24.
«Da milanista - prosegue Salvini - gli sono riconoscente, ma come tutti nella storia ha fatto il suo tempo.
Se spendi 90 milioni e porti la gente sbagliata allora devi andare via.
Bisogna dirgli grazie per quanto ha fatto in 20 anni e arrivederci».
Poi ancora su Mihajlovic: «A me come allenatore piace, ma non faccia il piangina con gli arbitri, non ci siamo proprio [...]

Leggi tutto l'articolo