San Lorenzo e le cappelle medicee

Uno dei complessi artistici certamente più affascinanti di Firenze è quello legato alla chiesa di san Lorenzo, la cui facciata (rimasta incompleta) puoi osservare in basso a destra nella fotografia.
La prima chiesa che venne costruita nel luogo fu edificata nel IV secolo ed addirittura consacrata da sant'Ambrogio.
Questo edificio fu poi abbattuto per essere ostituito da un altro e quindi quest'ultimo venne sostituito dalla costruzione contemporanea, ideata su progetto di Brunelleschi a partire dalla metà del Quattrocento.
Venne poi costruito l'equilibrato portico interno e poi una sacrestia, detta "vecchia", per distinguerla da una successivamente edificata da Michelangelo, che si chiama nuova.
A fianco della chiesa vennero poi costruite le cappelle medicee, ossia i luoghi di sepoltura che i Medici desideravano avere per sé.
E proprio queste sono la "chicca" di tutto il progetto!!! Infatti ci sono due immense aule circolari, la prima che si chiama Cappella dei Principi e la seconda detta Sacrestia nuova.
In essa trovarono sepoltura alcuni personaggi dei Medici, dentro ad ambienti magnifici, alti, decorati di marmi di colori diversi.
In più nella Sacrestia Nuova le tombe sono arricchite da sculture bellissime e cariche di senso di Michelangelo, che vi lavorò fino a metà degli anni Trenta del Cinquecento, dopo cui partì per Roma.  Sempre parte del complesso di san lorenzo è la biblioteca laurenziana, costruita per volere dei Medici su progetto di Michelangelo. 

Leggi tutto l'articolo