San Salvo, un progetto per potenziare la raccolta differenziata

Il Comune di San Salvo sta promuovendo un progetto di potenziamento della raccolta differenziata  domiciliare da estendere all’intera Città.
Nel frattempo l’Amministrazione comunale adotterà una linea dura nei confronti di coloro che non fanno corretto uso del sistema di raccolta porta a porta già utilizzato sul territorio.  Dall’Ufficio Ambiente è stata spedita una comunicazione a tutti i cittadini del centro storico dove, da diversi anni è attivo il servizio di raccolta differenziata domiciliare dei rifiuti solidi urbani, ma dove non tutti ne rispettano le regole.
Per contrastare una situazione ormai intollerabile per il decoro e l’igiene della Città dovuta alla presenza sulle strade di buste che, spesso, vengono lacerate da animali randagi, la comunicazione spedita dall’Ufficio comunale spiega e sollecita a rispettare i criteri di conferimento dei rifiuti negli appositi contenitori (1- carta, plastica e vetro nei contenitori stradali: bianchi, giallo e blu; 2- la restante parte dei rifiuti va depositato davanti la propria abitazione nell’apposito contenitore verde antirandagismo dalle ore 6.00 alle ore 8.30).
I trasgressori saranno puniti con una multa di 50,00 euro e con l’obbligo di recupero dei rifiuti e ripristino dello stato dei luoghi.
La promozione della raccolta differenziata, in coerenza  con gli obiettivi  regionali e nazionali in tema di  educazione ambientale e sviluppo sostenibile, oltre ai vantaggi ambientali, porterà vantaggi positivi anche sulle tariffe permettendo di contenere gli aumenti dei costi.  L’impegno del singolo è determinante: differenziare, recuperare e produrre meno rifiuti deve diventare un’esigenza per tutti.   Grande importanza all’interno del progetto hanno le strategie informative perché la partecipazione attiva dei cittadini  dipende essenzialmente dall’efficacia dei sistemi di sensibilizzazione.
Alle campagne informative si affiancheranno inoltre azioni di  presenza  attiva  e  costante  sul territorio mirate all’educazione, al controllo e alla vigilanza.
L’obbiettivo è quello di arrivare ad un aumento considerevole della raccolta differenziata.
Incentivare una mentalità favorevole ed alzare  il livello d’interesse sul tema è il passo principale da compiere.  Le scuole, attraverso la distribuzione di appropriati materiali didattici saranno i luoghi privilegiati di educazione ambientale ed informazione sul riciclaggio dei rifiuti.
È proprio nelle scuole, infatti, che [...]

Leggi tutto l'articolo