Sanremo, la Raffaele invoca Satana: l’accusa dell’esorcista

L’ennesimo (speriamo ultimo) polverone si è sollevato su Sanremo 2019, flagellato più di qualunque altro Festival della storia.
Prima le accuse di politicizzazione, poi quelle di conflitto di interessi (con Baglioni che avrebbe favorito gli artisti della sua agenzia).
Infine le critiche alla conduzione, alle canzoni e alla classifica finale, con tanto di vincitore -pure lui- super contestato.
Si sperava che a una settimana dopo le acque della Liguria si fossero calmate e invece no.
Un prete esorcista si è scagliato contro lo sketch del grammofono di Virginia Raffaele (peraltro tra i più riusciti, con lei che fingeva di essere un vecchio disco che si inceppava), in cui la comica ha nominato, a un certo punto, Satana per diverse volte.
Apriti cielo, anzi: sette antisataniche.
Don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Giovanni XXIII fondata da Don Oreste Benzi e coordinatore del “servizio nazionale Antisette”, nella veste di esorcista ha fatto un appello alla comica Virginia Raffaele chiarisca quella che apparirebbe una gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno.
Pur non comprendendo quale fosse l’intento, il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante.
Quel palco è diventato un ‘pulpito’ da cui per ben 5 volte è stato invocato il nome di Satana'.
E ha aggiunto: Non si è tenuto conto della fede dei tanti cristiani che seguivano uno dei programmi più amati dagli italiani, mancando così di rispetto specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male.
Penso sia opportuno che la brava comica Virginia Raffaele spieghi il senso di questa sua esibizione e che si ritorni a riflettere sulle ripercussioni di certe scelte che non possono ritenersi apparentemente banali L’onda di Buonaiuto è stata ovviamente cavalcata da tutti quelli che avevano già espresso le proprie perplessità sul Festival.
In primis il ministro dell’Interno Matteo Salvini Capisco e condivido le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto.
Non sottovalutiamo il problema delle sette sataniche, con tutti i problemi connessi.
Ascoltiamo con attenzione gli esperti che ci aiutano a combattere il fenomeno Da parte dell’interessata nessuna replica, né ufficiale né social.
Forse il silenzio è la risposta migliore.
Anche perché, come scrive una utente su Twitter: “È risaputo che le donne ne sanno [...]

Leggi tutto l'articolo