Sanremo, le pagelle: benedetta Fiorella Mannoia, Al Bano bocciato

Ecco le pagelle della prima serata del 67/mo festival di Sanremo in ordine di apparizione:

GIUSY FERRERI - Fa Talmente Male: Giusy Ferreri ha il suo limite più grande proprio nella sua caratteristica più evidente: il timbro, quel cantato di gola che la rende subito riconoscibile ma le crea un rapporto complicato con l'intonazione e il controllo. Se, come stasera, si aggiunge l'emozione dell'Ariston, ne viene fuori una performance da dimenticare. 5
FABRIZIO MORO - Portami via: Fabrizio Moro punta molto sull'intensità, anche se stasera è andato un pò fuori registro. Il brano, che cita «La Cura» di Battiato, ha un testo interessante e un'atmosfera cantautoriale. 6
ELODIE - Tutta colpa mia: Elodie è giovanissima ma canta uno di quei brani che una volta si chiamavano «sanremesi». Compreso il testo che declina l'amore secondo i canoni più scontati. «Tutta colpa mia» sembra una canzone minore di Emma Marrone che è tra gli autori. 5
LUDOVICA COMELLO - Il cielo non mi basta: Anche la Comello rispetta una strana regola di questo festival in cui i giovani cantano pezzi tradizionali. Lei è un talento cresciuto alla scuola Disney ma questo non sembra proprio la canzone migliore per dimostrarlo. 5
FIORELLA MANNOIA - Che sia benedetta: È la presenza che nobilita il cast, un esempio di eleganza, intensità, personalità. Sicuramente una performance che segnerà questa edizione. 7,5
ALESSIO BERNABEI - Nel mezzo di un applauso: Per non correre rischi ripropone una formula molto simile a quella del brano dell'anno scorso che è uno dei pochi ad aver funzionato dopo il festival. Anche lui ha qualche problema con l'intonazione e il brano è di quelli che si tende a dimenticare. 5
TIZIANO FERRO - Un passaggio da autentica star. Prima con l'apertura della serata, dedicata a una bellissima cover di «Mi sono innamorato di te», doveroso omaggio a Luigi Tenco, a 50 anni dalla morte. Poi con due brani del suo nuovo album, «Potremmo ritornare» e «Il conforto», un duetto con Carmen Consoli che è uno spot per la musica italiana. 8
ALBANO - Di rose e di spine - Ormai la romanza travestita da canzone è praticamente inevitabile. È la quota ultra popolare del festival targato Conti. 5

Leggi tutto l'articolo