Santa Vincenza Gerosa

Non aveva davvero mai pensato di diventare una “fondatrice”.
Il suo orizzonte era Lovere, terra bergamasca soggetta alla Repubblica di Venezia.
Era l’impresa commerciale che faceva dei Gerosa una casata benestante.
Battezzata col nome di Caterina, ha poi incominciato a studiare dalle Benedettine di Gandino, in Val Seriana.
Ma la poca salute le ha impedito di continuare, e così è tornata a Lovere.
La sua vita è costellata di “ma”, di progetti che poi le circostanze continuamente stravolgono.
Era contenta di starsene nel negozio di famiglia, ma l’azienda va in crisi sotto il ciclone napoleonico, mentre Lovere passa dal dominio veneziano a quello francese, nella Repubblica Cisalpina.
Caduto Napoleone, e passato il Bergamasco sotto l’Impero degli Asburgo, Caterina si dedica all’insegnamento gratuito per le ragazze povere, ad attività di assistenza e di formazione religiosa, incoraggiata da due successivi parroci.
Questa dimensione locale dell’impegno le basta, l’appaga: anche perché si rivela assai ricca di stimoli e di sfide.
Ed ecco un altro “ma”.
Nel 1824 fa amicizia con una maestrina, anch’essa di Lovere: Bartolomea Capitanio, di 17 anni.
L’incontro la spinge in un’avventura nuova: creare un ospedale.
Loro due.
E ci riescono, inaugurandolo un paio di anni dopo.
L’ha reso possibile lei, con beni ereditari del casato dei Gerosa.
Ma per un’attività stabile occorre personale votato e preparato all’assistenza.
E la maestrina Capitanio ha un suo progetto chiaro: fondare un apposito istituto religioso, con questi obiettivi: assistenza ai malati, istruzione gratuita alle ragazze, orfanotrofi, assistenza alla gioventù.
E ne convince l’amica, sicché nell’autunno del 1837 l’istituto nasce, con loro due.
Ultimo e tremendo “ma”: Bartolomea Capitanio muore il 26 luglio 1833, a 26 anni.
Caterina Gerosa è sola, è poco istruita, si sente quasi vecchia, vorrebbe lasciare tutto...
Ma rimane, invece.
Non rassegnata: decisa: accoglie le prime giovani e per sette anni la piccola comunità segue la regola delle suore di santa Maria Antida Thouret, finché nel 1840 arriva il riconoscimento pontificio, e prendono canonicamente vita le Suore di Maria Bambina, con le regole scritte da Bartolomea Capitanio e con la guida di Caterina Gerosa, che prende i voti assumendo il nome di suor Vincenza.
Già nel 1842, sebbene siano ancora poche, le chiamano a Milano.
Anzi, l’arcivescovo cardinale Gaysruk (alta aristocrazia austriaca) vorrebbe farne una sua istituzione diocesana.
Ma suor Vincenza resiste [...]

Leggi tutto l'articolo