Sapienza: pubblicati i dati definitivi della elezioni, è passato uno tsunami

Azione Universitaria terza lista, + 5% rispetto al 2005 Gli studenti del più grande Ateneo di Roma hanno scelto in piena conoscenza ed è passato un vero e proprio tsunami alla Sapienza.
Le prime tre liste sono due indipendenti di area moderata ed Azione Universitaria, le quali hanno raccolto complessivamente più del 56% dei consensi studenteschi.
Dunque, nonostante le forze di sinistra abbiano portato in piazza qualche migliaio di giovani della Sapienza per protestare, come Onda, contro la Gelmini, il dato elettorale dimostra che tutte le loro proteste non hanno seguito né producono consenso.
Come dimostrano i risultati del CNSU del 2007 e le elezioni di primavera 2008 negli Atenei romani di Tor Vergata e Roma Tre, dove AU è stata prima lista con la netta affermazione di Generazione Protagonista, la maggioranza silenziosa degli studenti non segue le forze di sinistra e vuole studiare, laurearsi, avere un'Università efficiente, meritocratica e trasparente.
Complessivamente, le due liste indipendenti di area moderata ed Azione Universitaria hanno ottenuto quattro seggi su cinque nel Senato Accademico e quattro seggi su sei nel Consiglio di Amministrazione.
Al Senato Accademico, Vento di Cambiamento (Medicina/FI) ha conseguito il 24,35% (2964 voti), Mondo Sapienza/Lista Aperta (CL/FI) il 16,90%, Azione Universitaria il 14,85% (1808 voti) , Sapienza in Movimento il 13,97%, Collettivi il 10,24% (1247 voti), Studenti Democratici il 9,31%, Unione degli Universitari l’8,97%, i Corvi l’1,40%.
Sul fronte interno il candidato Peppe Rodà (Generazione Protagonista ed Arcadia) ha ottenuto 787 voti e Irina Cuda 424.
Al Consiglio di Amministrazione, Vento di Cambiamento (Medicina/FI) ha conseguito il 25,42% (3081 voti), Mondo Sapienza/Lista Aperta (CL/FI) il 16,66%, Azione Universitaria il 14,21% (1722 voti) , Sapienza in Movimento il 13,42%, Collettivi il 10,92% (1323 voti), Studenti Democratici il 9,35%, Unione degli Universitari l’8,63%, i Corvi l’1,39%.
Sul fronte interno il candidato Peppe Romano (Generazione Protagonista ed Arcadia) ha ottenuto 715 voti e Cristian Alicata 475.
In ogni caso, in tutti gli organi sono stati annullati più di 200 tra voti di lista e voti di preferenza da assegnare a “Peppe” - il soprannome del nostro candidato su cui si basava la nostra campagna elettorale - a seguito della assurda scelta di annullare (all'ultimo minuto) le preferenze che indicassero solo il soprannome (contro la prassi consolidata), cambiando così il dato politico, che avrebbe visto AU ottenere il seggio a Laziodisu [...]

Leggi tutto l'articolo