Savona che scavalca Tria, Salvini scavalca Conte, sono brutti sintomi di democrazia a rischio.

Savona ovvero il volto presentabile dei gialloverdi. Alla stampa estera difende il Def (più di Tria) e provoca Draghi,Il ministro a tratti sembra quasi un intruso al governo: "Se Bruxelles boccia il mio progetto di riforma, dà fiato ai sovranisti"



Di sé dice di avere "la pelle dura, da buon sardo abituato agli ovili". La verità è che sempre più Paolo Savona si afferma come il volto presentabile del sovranismo italiano che arriva finanche a contestare il sovranismo pur di presentarsi. E' l'ambasciatore scelto per trattare con l'Europa alle condizioni del governo gialloverde. Dopo un tour a Strasburgo la scorsa settimana, il ministro degli Affari Europei viene a presentare il suo progetto di riforma dell'Ue ('Una politeia per un'Europa diversa, più forte e più equa') alla sede della stampa estera a Roma. "Se l'Ue risponde al mio progetto, allora recuperiamo i sovranisti", dice. E qui già strabuzzi gli occhi. Ma lui continua: "Non accogliere il mio progetto vorrebbe dire dar fiato a...

Leggi tutto l'articolo