Scandalo Csm, Di Pietro: “Abbiamo scoperto l’acqua calda, lo sapevano pure le pietre che il sistema è sbagliato”

Sullo scandalo Csm. “Abbiamo scoperto l’acqua calda –ha affermato Di Pietro-. Che le correnti servissero a questo, cioè a creare un’area di riferimento e di elettorato per andare poi a fare il componente del Csm, lo si sa dalla notte dei tempi, cioè da quando è stata fatta la norma.
Il presidente ha detto parole responsabili, ma fino ad oggi si è preferito girarsi dall’altra parte. E’ un po’ come quando abbiamo scoperto Tangentopoli e tutti a dire ‘mammamia, mammamia’, ma lo sapevano pure le pietre. Queste cose sono dovute un po’ a consuetudine, un po’ a ignavia. Le correnti sono figlie di una legge sbagliata. Quando sei magistrato e devi rispettare la Costituzione non puoi essere eletto da coloro che tu devi controllare.
Non ci deve essere nessuno che scientemente mette un magistrato in un certo posto per non farsi indagare. Il magistrato di per sè è una persona competente che ha studiato, quindi devono essere scelti a sorte, non devono andare alla ricerca del voto. Rendersi conto...

Leggi tutto l'articolo