Sciogliere i Cinque stelle, un gran finale da mattatore per Beppe Grillo.MA UNA PRESA PER IL CULO VERSO L'ITALIA.

Sarebbe un epilogo fenomenale, un colpo di teatro senza precedenti e puro spleen negato ad altri. E c’è già la citazione adeguata, suggerita da Nick Carter: «E l’ultimo chiuda la porta!»

Slam! Ma sì, a questo punto ben venga che Grillo proceda pure a sciogliere il suo MoVimento. Dica soltanto: ragazzi, dai, abbiamo giocato, tutti a casa, smontate i gazebi, chiudete i meetup, sgommiamo, è finita!
Restando in tema, non ricordo chi per primo abbia pronunciato una celebre frase da sticker che ipotizza, opportuna, una fine spaventosa piuttosto che uno spavento senza fine. Di sicuro, lo so per certo, è stata utilizzata da uno dei primi teologi dell’accrocco politico a cinque stelle, Paolo Becchi. Già, questi l’ha fatta propria fin dal 2013 per un libro dal sottotitolo omonimo, dove si garantiva che «al crollo della fiducia dei cittadini nei confronti della classe politica, solo una forza nuova, giovane e rivoluzionaria può ormai fare fronte. È il MoVimento 5 Stelle, ossia la speranza d...

Leggi tutto l'articolo