Scrive agli insegnanti del figlio: "Impara a vivere. Ecco perché non ha fatto i compiti per l'estate"

Le giustificazioni più fantasiose abbondano quando i ragazzi non studiano, ma gli insegnanti di una scuola di Varese non avrebbero mai immaginato di ricevere al rientro dalla pausa estiva la lettera di un papà che spiegava il motivo per il quale suo figlio 13enne non aveva fatto i compiti per le vacanze."Mattia non ha fatto i compiti per le vacanze", si legge nella lettera.
Il papà, Marino Peiretti, ha pubblicato un post su Facebook in cui spiega il perché, d'accordo con la moglie, ha voluto concedere al ragazzino il risposo assoluto.
Il tutto dopo aver sentito il parere di alcuni psicologi e dopo avegli fatto fare un riepilogo degli insegnamenti appresi durante l'anno precedente. Il messaggio è diventato virale ed è presto partito il dibattito.  "Non è una scelta distratta o superficiale: in questo modo Mattia arriva all'inizio del nuovo anno scolastico più fresco e riposato... L'ho preso da parte e gli ho detto che, visti gli esami di terza media, deve darsi da fare, comportarsi bene e fare del suo meglio.
Se poi gli esami non andassero bene, capita.
L'importante è che lui prenda la scuola seriamente e con impegno... Voi avete nove mesi per insegnargli nozioni e cultura, io tre mesi per insegnargli a vivere".

Leggi tutto l'articolo