Seat Leon

La vettura viene apprezzata in particolare per la sua connotazione sportiva (versione Cupra con motore 1.8 turbo da 225 cavalli) e crea un seguito di appassionati pur rimanendo all'interno di una piccola nicchia.
Dopo l'ingresso all'interno del gruppo Volkswagen del designer Walter De' Silva, e dopo il lancio dell'Altea, nel settembre del 2005 viene lanciata la nuova León, che mantiene la connotazione sportiva ma elegante della prima versione.
Il design la pone sul mercato come una delle automobili più sportive nel segmento delle berline compatte.
Motori e meccanica derivano dal gruppo Volkswagen.
Grazie al design conquista più consensi della sua antenata.
Viene impiegata in diverse competizioni automobilistiche piazzandosi al secondo posto nel 2006 nel WTCC e portando alla vittoria Roberto Colciago nell'ITCC nel 2006 e Yvan Muller nel WTCC 2008.
Annunciata precedentemente dalla Seat Leon Prototype in occasione del Salone di Ginevra ed ancor prima ispirata al prototipo Salsa, creato nel 2000, è nata la nuova SEAT Leon che nella sua elegante carrozzeria combina l'immagine sportiva di una coupé e la funzionalità di una cinque porte.
Con questa nuova vettura viene sottolineato ancora una volta il concetto di "design che suscita emozioni" utilizzato da Walter de' Silva per definire l'essenza stilistica della nuova generazione dei modelli SEAT.
La Leon ultima generazione, assieme alla Ibiza e alla Altea, è uno dei tre pilastri fondamentali del nuovo corso della SEAT (che, assieme alla Lamborghini, fa parte del Gruppo Audi istituito nel 2002) ed è quella che esprime nel modo migliore l'unione tra sportività e design innovativo, consolidando i valori propri della Marca.
Erede diretta del prototipo Salsa, la nuova Leon combina la funzionalità di una vettura a cinque porte con l'immagine sportiva di una coupé.
Questo effetto si ottiene per merito delle maniglie posteriori "nascoste" nei montanti e anche grazie a un design delle porte sviluppato proprio per creare questa immagine.
Gli espressivi gruppi ottici e il cofano spiovente in cui spicca la calandra con il grande logo SEAT, si integrano perfettamente con la parte laterale del frontale, dove i marcati passaruota esprimono energia e potenza.
Da qui nasce la linea dinamica che percorre la fiancata e termina a ridosso dei passaruota posteriori: è una caratteristica fondamentale del nuovo design SEAT.
Importante per l'immagine della nuova Leon sono anche le aste del tergicristallo.
Come sulla Altea, in posizione di riposo, sono parallele ai montanti anteriori soltanto [...]

Leggi tutto l'articolo