Security, parte la certificazione

Economia (15 settembre 2014) Security, parte la certificazione IN SEGUITO AD UN DECRETO GLI ISTITUTI DI VIGILANZA PRIVATA DEVONO RICEVERE L’ATTESTATO DI IDONEITÀ DAI SOGGETTI AUTORIZZATI DA ACCREDIA, L’ENTE UNICO DESIGNATO DAL GOVERNO CHE NEL 2013 HA SVILUPPATO ULTERIORMENTE LA PROPRIA FUNZIONE NELLA PENISOLA Luca Palmieri Milano - La vigilanza privata è un settore in costante crescita nel panorama economico italiano.
Nonostante la crisi, l’esigenza da parte di imprese ed anche di condomini e private abitazioni di servirsi di servizi di vigilanza è sempre più forte.
Ed è notizia di questi giorni che il Ministero dell’Interno ha deciso di regolamentare ulteriormente le aziende del settore attraverso il Decreto n.
115 del 4 giugno 2014 entrato in vigore il 3 settembre.
I circa 900 istituti di vigilanza privata attivi in Italia devono sottoporre i propri impianti, servizi e professionisti alla valutazione da parte di un organismo di certificazione accreditato da Accredia, l’ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo italiano.
Tutte le aziende del settore avranno quindi obblighi più stretti ed in particolar modo dovranno, entro un anno dall’entrata in vigore del decreto ministeriale, sottoporsi a verifica da parte di un organismo di certificazione accreditato da Accredia e produrre, per consegnarla in seguito alla Prefettura competente, la documentazione che certifichi la conformità dei servizi alle norme Uni/Iso di riferimento, relative alla qualità dei servizi di vigilanza, telesorveglianza, custodia e scorta valori e alla competenza dei professionisti di security impiegati.
Le società stanno quindi aspettando le modalità con cui gli organismi di certificazione accreditati dovranno valutare la conformità degli istituti di vigilanza: è infatti previsto per i prossimi mesi un nuovo decreto che regolamenterà anche questa parte della regolamentazione.
Dal decreto già in vigore emergono le strutture più importanti della riforma.
La durata della certificazione sarà infatti triennale e prevederà una verifica iniziale da parte dell’ente di accreditamento, seguita da una prima sorveglianza entro un anno dal controllo iniziale, una seconda sorveglianza dopo ventiquattro mesi ed una verifica di rinnovo della certificazione prima della scadenza.
Una serie di controlli estremamente rigorosa dunque, che porterà le imprese a dover rispondere in maniera stringente a tutte le caratteristiche richieste dal Ministero dell’Interno.
In questo contesto emerge il ruolo di Accredia, l’Ente unico [...]

Leggi tutto l'articolo