Sentiero infinito

Non mi perdo maiperché non so dove sto andandoI.
SōjunMi stupisco, talora, di quanto infinito, possa penetrare nell'animo dell'uomo.Immutabile, con la mente in agitazione, viaggio in tutti i luoghi, oltre le barriere, e indago ogni anfratto che incrocio, tutti i dossi nei quali inciampo giorno dopo giorno.
Incedo lungo un sentiero che appare senza termine.
A volte su percorsi affilati come una lama i cui bordi sono divergenti ma riflessi.
I contorni che segnano i solchi del viso, gli insegnamenti ricevuti, i prodromi  di tanti avvenimenti, tuttavia, li distinguo e li serbo solo con gli itinerari mnemonici della ragione e  mettendomi in gioco con l'eventuale pericolo di restare inerme davanti ad eventi plausibili ma imprevisti e quindi incontrollabili.
L'adolescente che ero, fantasticava un innovativo e differente mondo e il suo sguardo si posava affascinato su mappe geografiche sempre più complesse per definire le strutture permanenti della realtà, delle sue coordinate valoriali, e...

Leggi tutto l'articolo