Senza sapere quando

Senza sapere quando Il week end corsistico inizia già dal sabato con il gruppo whattsapp che tenta di portar via gente al Gruppo podistico verso ritrovi alternativi ad orari improbabili sottocasa, sui percorsi dell’ipocrisia dell’expo.  Immediata la reazione dei fondatori, con l’uscita in blocco del CDS da questo gruppo.
 Lo scopo della società non è disgregare, e neppure quello di andare di corsa dal panettiere … Siamo al penultimo mese dell’anno, e i pretendenti al titolo, coloro che hanno l’ambizione di vedere scritto il loro nome per sempre nell’albo d’oro,  non possono mancare.
CLASSIFICA.
A sorpresa troviamo anche il Pirata, colui il quale aveva lanciato l’idea della non corsa.
Assente Ivan.
Senza sapere quando andata senza ritorno ti seguirei fino in capo al mondo all’ultimo secondo...
Inizia così la lunga ed insidiosa trasferta domenicale per Casatenovo.
 Il capofila Holly (con a bordo presidente e Lello)  imposta il navigatore, sulle note della canzone precedentemente citata.  L’obiettivo di Holly è non dare ascolto al navigatore, forse è una ripicca per fatti a noi sconosciuti.
Fatto sta che subito in partenza perdiamo l’auto del Pirata Max Andrea e Silvia, mentre Bum Bum e Vivi riescono a stare dietro.
 Dopo il lungo viaggio arriviamo a destinazione, e sorprendentemente prima dell’auto dispersa.  Nonostante la grandissima partecipazione a questa corsa, si può parcheggiare attaccati al ritrovo, in un immenso prato parcheggio.
Ah , prima avevamo parcheggiato di fronte alla pasticceria, ma dopo aver capito di essere ad oltre un km di distanza, ci siamo avvicinati con una delle due auto.
La lunga fila alle iscrizioni ci fa desistere.
Non ci sono le docce, e come spogliatoi deposito borse, un gazebo chiuso.  La giornata è stupenda , sole e limpida.
Il dubbio è se manica corta o no…  Si parte! Il percorso, con il lungo serpentone di runners, inizialmente si snoda su strada, in salita costante.
 A parte il tratto iniziale, poi si va su sentieri, e si passa nelle cascine, come dice il nome della corsa: Sentieri e Cascine.
Bello e piacevole, fatto di continui lunghi saliscendi, non duri, ma lunghi.
  Ristori classici, con accesso solo a chi aveva il braccialetto dell’iscrizione,  affollato quello finale.
 Alla fine ritiriamo il riconoscimento, un paio di calze tecniche loggate ‘ sentieri e cascine’.
Bene tutto il gruppo: con Max che parte in fuga senza fermarsi ai ristori.
Pres Holly e Lello, pur fermandosi a far colazione, sono sempre al suo inseguimento fino a [...]

Leggi tutto l'articolo